15 49.0138 8.38624 arrow 0 arrow 1 4000 1 0 horizontal http://www.imore.it/rivista 300
  • 20 marzo 2017
    MODA: se la conosci non ti uccide
    “Per me è un modo di trasmettere alle persone la mia fantasia in maniera semplice e diretta. Come per tutti, cosa indossare rappresenta una scelta importante, specie per apparire in pubblico, ma una scelta che non so quanto libera e quanto invece dovuta a certi dettami della moda”. Così l’artista nippo-olandese di fama internazionale Tomoko...
  • 19 marzo 2017
    Maurizio Pecoraro e il blazer, blazer, blazer!
    Toni naturali, terrosi e speziati, contraddistinguono la collezione del designer Maurizio Pecoraro presentata nell’edizione MMD febbraio 2017. La proposta , dal carattere deciso e contemporaneo, consta di silhouette dalle linee maschili talvolta asciutte e pulite e talaltra morbide e fluide, accanto ad altre decisamente femminili. Molti i blazer -elemento chiave della proposta-, tradotti in cappotti...
  • 18 marzo 2017
    Fenomenologia del rossetto
    “Non sono capace di leggere un messaggio triste senza prima mettermi il rossetto” ammetteva deliziosamente Audrey Hepburn nel film “Colazione da Tiffany. Doveva pensarla così anche Ingrid Bergman protagonista di “Casablanca”, dove il pianista Sam cantava  A kiss is just a kiss, mentre i due amanti si sussurravano malinconiche parole d’addio,  memori di ardenti baci…...
  • 18 marzo 2017
    Carlo Zini, la fantasia al potere
    “Oggetti esclusivi dell’apparire per scoprire l’eleganza dell’essere”, i bijoux italiani vantano una lunga storia, solo in parte raccontata, fatta di bellezza, moda, design, cultura, abilità artigianale, evoluzione sociale, non da ultimo business. Se tanto resta ancora da scoprire di questo mondo delle meraviglie, ecco che il Museo del Bijou di Casalmaggiore (CR) – tempio della costume...
  • 12 marzo 2017
    Couture-à-Porter: l’ossimoro vincente di Ettore Billotta
    Dalle passerelle di AltaRoma, alle passerelle di Milano Moda Donna A/I 2017-18 di febbraio u.s., non con una collezione prêt-à-porter, ma una collezione “Couture-à-Porter” come ha voluto definirla Ettore Billotta. L’intento è quello di andare per gradi, dall’Alta Moda verso un impegno più semplice? No. Il couturier, assurto a notorietà mediatica dopo aver firmato le...